Skip to content

Lo zodiaco interiore

di Lara Serafino
VENERE entra in Scorpione

Passione e tormento

Il 21 novembre venere è passata in scorpione dove si muoverà per circa tre settimane. Il 15 dicembre farà, poi, ingresso in sagittario.

La venere in scorpione evoca una sensualità inquieta, potente e, a tratti, drammatica.

E’ la donna strega, consapevole del suo potere e fedele solo al suo desiderio che la guida ad esperienze intense, di intimità profonda con l’altro; esperienze spesso al limite, spesso dolorose dove il fuoco della passione brucia e trasforma.

Rappresenta un femminile che non può scendere a compromessi e accettare la comodità di una vita quieta e prevedibile. Se lo fa diventa distruttiva e manipolatrice.

La passione, il tormento, il potere, l’ossessione non riguardano solo ed esclusivamente la sfera della relazione. Questa energia può canalizzarsi in una causa sociale, nell’impegno politico  o nell’arte.

L’artista serba Marina Abramovic, con venere in scorpione, ha espresso sulla scena artistica, esasperandoli, i tratti di questa venere.

Insieme al compagno Ulay, scomparso proprio quest’anno, ha coniugato arte e amore in un connubio di ricerca estrema di estasi e dolore.

Certo la sua venere in scorpione è congiunta a giove che rende il tormento un piacere da espandere per esplorarne i confini. E’ quadrata a plutone che ne esalta la natura drammatica. E ancora, nella quadratura alla luna in aquario, si mescolano il tormento venusiano al distacco emotivo lunare, che le permette di spingersi oltre per provocare e scuotere chi assiste ai suoi spettacoli.

In modalità sicuramente meno intense, venere in scorpione ci invita a farci coinvolgere intimamente da ciò che amiamo, al punto da abbattere i confini, solo apparenti, che ci separano dagli altri e dalla vita.

Lara

VENERE entra in Scorpione
Tag:

Rispondi