Venere e plutone: amore e morte.

Questo è il significato essenziale di questo aspetto.

Bisogna chiarire, però, cosa significhi morte nella simbologia di plutone.

Plutone è il pianeta della rigenerazione che implica la distruzione della forma affinché una forma nuova, più in linea con la verità che la abita possa emergere.

Si può intuire, quindi, che gli aspetti tra plutone e venere siano sempre molto intensi, manipolativi, passionali, trasformativi e, in casi estremi, distruttivi.

Se venere cerca l’altro per trovare  reciproco benessere, plutone spingerà questa ricerca sempre più in profondità per squarciare il velo della menzogna, della finzione.

Una delle possibili manifestazioni di questo aspetto è il tradimento. Agito o subito.

Il tradimento appartiene su vari livelli a questo aspetto. Il primo tradimento è verso se stessi.

Come sempre il seme in potenza degli aspetti astrologici germogliano  nell’infanzia dove abbiamo sperimentato che l’amore non è qualcosa di spontaneo, genuino e semplice ma che per essere amati bisogna rinunciare a qualcosa di sé per adattarsi alle richieste dell’ambiente. Abbiamo distorto, negato, adattato noi stessi per aderire alle promesse di amore e di accettazione che ci volevano diversi. Richieste che già di per sé sono una negazione dell’amore.

 Questa dinamica avviene in modo seduttivo e persuasivo; è sottile e nascosta, intima e profonda, invasiva. E’ certamente una dinamica di potere come sempre quando entra in scena plutone.

In effetti nelle relazioni plutoniane alla base c’è un profondo senso di impotenza affettiva proprio perché si è vissuto l’amore come mezzo di negoziazione.

Così sedurre l’altro fa sentire potenti. Molto spesso donne (e uomini) con questo aspetto giocano a sedurre per il piacere della conquista, per sentirsi belle e desiderate pur senza un reale interesse per l’altro che non appena capitola, non interessa più.

Si desidera profondamente l’intimità  ma non si riesce ad accettare che l’intimità implichi una totale vulnerabilità, la spogliazione da tutte le maschere e finzioni.

Chi presenta questo aspetto nel suo tema, deve riconoscere, innanzitutto,  che la natura coercitiva e manipolativa delle relazioni che vive non dipendono dall’altro che è solo un attore del dramma affettivo che questo aspetto porta in scena, tanto quanto lo è lui stesso.

Solo a questo punto si può iniziare ad intuire che plutone non fa che distrugge l’immagine fittizia dell’amore per far emergere l’essenza, senza volto,  senza nome, senza forma,  di ciò che  Siamo. Nell’Uno si realizza che l’intimità non è mai stata persa.

a cura di Lara Serafino


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.