Dal 3 agosto di quest’anno urano a 28°32 dell’ariete ha fatto dietro front  passando dal moto diretto al moto retrogrado. Anche se è tutta un impressione, dal momento che è la percezione che abbiamo quando la terra, nella sua orbita intorno al sole, supera il pianeta in questione che quindi sembra andare all’indietro, gli effetti si sentono tutti.

Urano terminerà l’anno in moto retrogrado; dal 3 gennaio prossimo tornerà diretto per concludere il suo transito nel segno il 15 maggio quando passerà nel toro. Ma insisterà particolarmente sul 28 esimo grado ritornandoci all’inizio del 2019, quindi chi ha pianeti tra i 26° e i 30° sarà ancora a lungo nell’occhio del ciclone uraniano.

Se in questi anni  siamo stati toccati dal suo passaggio una bella scarica energetica ci ha travolto e inevitabilmente qualcosa di cruciale nella nostra vita è cambiato.

Si dice che urano sia il pianeta della rivoluzione e infatti  fu scoperto poco prima dell’inizio della rivoluzione americana a cui seguì quella francese; ma quando, a livello sociale, il popolo si ribella ? quando non si riconosce più nelle strutture esterne di potere e di autorità; quando lo scollamento tra le richieste sociali e gli autentici bisogni del popolo hanno raggiunto un punto di rottura tale che diventa necessario ridefinire un nuovo ordine, scardinando le strutture ormai vecchie e superate.

La stessa cosa accade nella nostra vita quando siamo  toccati dal transito di urano. Se coinvolge pianeti personali soddisfare aspettative esterne, familiari, sociali, relazionali non ci basta più quando per farlo stiamo soffocando qualcosa di più profondo e vero di noi stessi.

Se è arrivato urano nella nostra vita il momento presente diventa l’unico possibile e siamo finalmente pronti, adesso,  per uscire dalla nostra confort zone e correre tutti i rischi necessari per diventare ciò che Siamo. Per mollare il lavoro noioso ma rassicurante e puntare sulle nostre più autentiche risorse e competenze, per chiudere una relazione finita ormai da tempo che si trascina per abitudine, per rimettersi a studiare ed ottenere quella laurea a cui abbiamo rinunciato per la famiglia. In particolare in ariete urano è  deflagrante, radicale, travolgente e a volte, distruttivo. E’ un energia innovativa e rinnovativa.

Ma poi arriva la fase retro  in cui sembra che tutta quell’ energia, determinazione, spinta propulsiva verso il  futuro improvvisamente rallenti o addirittura si fermi nella fase di sosta del pianeta.

Cosa sta accedendo ? questo è proprio il momento  di fermarsi  e di capire se questa scintilla rivoluzionaria ci sta portando dove vogliamo veramente andare o se magari ci siamo  fatti prendere troppo dall’entusiasmo.

Di solito questa è la fase dei ripensamenti, dei dubbi. In sostanza è la fase della paura. Paura di aver perso definitivamente il certo per l’incerto  e timore per un futuro che in questo momento appare  senza garanzie.

In questa fase emergono le proprie personalissime paure che spingono a ristabilire lo status quo soprattutto se il transito è di quadratura o opposizione che ha implicato cambiamenti più drastici e radicali.

Se il transito è positivo questa è la fase in cui si può guardare la situazione con maggiore distacco per  definirne meglio l’evoluzione dentro e fuori di noi.

Di solito i cambiamenti a cui ci chiama urano, che implicano anche separazioni e distacchi, sono molto dolorosi quando abbiamo poca confidenza con noi stessi; quando non siamo in ascolto della  nostra voce interiore che come una bussola sa dove condurci.

Urano ci riporta sempre qui e ora, strappandoci via maschere e finzioni.

Farci assalire dalla paura nel moto retrogrado è fisiologico perché tante cose non sono più come prima ma non facciamoci travolgere e bloccare dai nostri timori.

Rompere gli schemi, cambiare programmi di vita, virare dalla direzione stabilita ci rimette in gioco e cosa potrà mai succedere ??….. forse potremmo realizzare che  quelle sicurezze che ci teniamo tanto strette sono diventate catene. Da spezzare. Adesso.

Baci 🙂

lara

 


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.