Sylvia Plath, nata a Boston nell’ottobre del 1932 è stata una poetessa americana dalla vita breve ma intensa che lei stessa si tolse a soli 30 anni.

sylvia plath astrologia

Tema natale di Sylvia Plath

Donna complessa e tormentata, mostrò segni di disagio psichico fin da ragazzina ma poi sembrò riprendersi grazie alla passione per la scrittura.

Una borsa di studio le permise a 23 anni  di solcare l’oceano a bordo della Qeen Elizabeth II e approdare a Southampton in  Inghilterra, la terra dei grandi poeti che amava e a cui si ispirava. Qui perfezionò i suoi studi e  conobbe  il poeta Ted Hughes  che divenne suo marito e con cui iniziò  un sodalizio artistico.

Insieme tornarono in America dove lui riuscì a pubblicare la sua prima raccolta di poesie che suscitò un discreto successo. Con la nascita dei figli, Frieda e Nicholas, l’inquietudine di Sylvia aumentò.

La maternità se da un lato ha rappresentato per lei un potenziale creativo (plutone cancro in V), dall’altro esigeva impegno e tempo  sottratto alla scrittura.

Quando il marito la lascia per un altra donna, Sylvia torna in Inghilterra con i figli, ma da quel’abbandono, vissuto da lei come un  lutto, non si riprenderà più.

L’analisi astrologica

Il tema è decisamente esplicito.

La morte è un tema dominante nel grafico e nella vita di Sylvia, come testimonia il sole in VIII e in scorpione.

I forti valori plutoniani riflettono  il suo tormento esistenziale, l’ossessione per la morte, l’istinto autodistruttivo; l’estrema ambizione di emergere, di dimostrare di essere  qualcuno.

Il padre morì quando lei aveva 8 anni e questo la segnò profondamente.

Con la madre il rapporto era freddo e distante (luna in bilancia in VII, venere in vergine). Sylvia cercherà sempre di piacerle ma non si sentirà mai veramente amata da lei.

Ben 4 pianeti in VII casa, tra cui anche la luna e  venere, fanno intuire la centralità della relazione, il bisogno di essere amata. Ma i valori vergine, legati alla natura complessa del sole scorpione, la rendono tormentata e con un profondo senso di inadeguatezza.

Quadratura plutone-ariete

Un aspetto particolarmente duro del tema è la quadratura tra plutone in cancro e urano in ariete.

Questo aspetto che è generazionale in lei è particolarmente potente  perché i pianeti coinvolti governano  rispettivamente il sole e l’ascendente.

Plutone in cancro ci dice quanto erano radicati in lei i condizionamenti culturali che relegavano la donna al ruolo di madre e moglie. Urano in quadratura riflette il senso di frustrazione, di profonda insofferenza per un modello culturale che le stava stretto ma che allo stesso tempo voleva incarnare per vivere tutte le sfaccettature della femminilità.

La combinazione dei due riflette l’istinto distruttivo che l’ha portata, la mattina del 11 febbraio 1963 a infilare la testa dentro il forno e lasciarsi morire.

La scelta di questa modalità così drammatica di morire è chiaramente evocativa dell’intimo travaglio che viveva come donna, come madre e come artista….tormento perfettamente riflesso nel quadrato tra plutone e urano.

La forte componente coercitiva e pulsionale di questo aspetto (che si è ripetuto di recente) deve essere portata alla coscienza affinché non venga agita in modo distruttivo.

La poesia che scrisse prima di morire

La donna è la perfezione.
Il suo morto
Corpo ha il sorriso del compimento,
un’illusione di greca necessità
scorre lungo i drappeggi della sua toga,
i suoi nudi
piedi sembran dire:
abbiamo tanto camminato, è finita.
Si sono rannicchiati i morti infanti ciascuno
come un bianco serpente a una delle due piccole
tazze del latte, ora vuote.
Lei li ha riavvolti
Dentro il suo corpo come petali
di una rosa richiusa quando il giardino
s’intorpidisce e sanguinano odori
dalle dolci, profonde gole del fiore della notte.
Niente di cui rattristarsi ha la luna
che guarda dal suo cappuccio d’osso.
A certe cose è ormai abituata.
Crepitano, si tendono le sue macchie nere.

A cura di Lara Serafino


2 commenti

Lara · 12 luglio 2018 alle 11:56 am

ciao Ilaria 🙂

si lo yod forse riassume la spaccatura dentro di lei tra la razionalità che la voleva far rimanere dentro i binari della consuetudine, dei modelli stereotipati, ed un impulso incontrollabile di ribellione.che poi l’ha portata a quella fine così terribile.

CIARLETTA ILARIA · 12 luglio 2018 alle 7:13 am

Ho notato che nel suo tema è presente lo yod con urano come punto focale. Una configurazione difficile da vivere e ancor più da risolvere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

RIFLESSI della COSCIENZA
Assign a menu in the Left Menu options.