L’attuale transito di quadratura tra saturno in sagittario e nettuno in pesci è stato associato ai terribili fatti di Parigi. Assodato che i pianeti sono uno specchio degli eventi sulla terra, e quindi, non provocano assolutamente nulla, in che modo stanno rispecchiando ciò che è accaduto e sta accadendo ?

Innanzitutto comprendiamo quali energie sono coinvolte in questo aspetto. Nettuno è il principio del trascendente, dello spirituale, di ciò che non ha forma, né confini e nel segno dei pesci, esprime al massimo questa simbologia, trovandosi nella sua sede. Saturno invece, simboleggia proprio i confini, i limiti, la materia, la struttura.

L’aspetto di tensione tra i due pianeti riflette essenzialmente il conflitto tra spirito e materia. Ma in particolare, la posizione di saturno, andrà a manifestarsi con le valenze del sagittario, quindi come autorità religiosa e/o autorità che ritiene di detenere la verità e  come confini geografici.

Una delle manifestazioni dell’aspetto l’abbiamo vista negli scandali della Chiesa italiana che hanno rivelato una discrepanza notevole tra la dimensione spirituale del messaggio religioso e la dimensione mondana fatta corsa al potere e al denaro.

In un mondo dove i confini si annullano sempre di più e le culture si mescolano, un altra possibile lettura riguarda  l’ansia, l’incertezza, l’insicurezza (nettuno) che deriva dal non avere più limiti certi entro i quali sentirsi al sicuro (saturno).

E in questo senso,  gli attacchi dell’Isis hanno dimostrato che il nemico può essere ovunque, nei luoghi di lavoro ma anche di svago e di divertimento e che non necessariamente viene da fuori, ma spesso, vive vicino a noi.

Un  lettura ancora riguarda l’esasperazione del fanatismo religioso ben espresso dai segni dove si trovano i pianeti perché saturno in sagittario, nella sua espressione di autorità religiosa, insieme al mistico nettuno, può essere tradotto come “imposizione dell’unica verità possibile”.

L’aspetto riflette l’inquietudine, la crisi vera e propria tra il richiamo ad un apertura, sempre più ampia e generalizzata, alla totalità della vita che contrasta con la paura di fidarsi di ciò che è “lontano” e quindi diverso.

I confini e in generale tutte le forme di autorità, se da una parte proteggono, dall’altra limitano, condizionano, costringono e così, questo transito, ci farà interrogare su quanto siamo disposti ad “arrenderci” alla vita (nettuno) piuttosto che a sottometterci alla paura (saturno) o, più concretamente,   alla legge del più forte, sempre simbologia di saturno.

Di fatto, la tensione fra nettuno e saturno è una lotta impari perché simbolicamente nettuno può essere associato al mare e, si sa, che non c’è argine che possa fermare il mare.

Alla fine del mese di novembre la quadratura dei due pianeti sarà perfetta per sciogliersi a fine gennaio. Si riformerà a fine aprile e a giugno sarà di nuovo perfetta per sciogliersi  a fine 2016.

a cura di Lara Serafino


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.