Il 27 giugno marte a 9° del  segno dell’aquario è diventato retrogrado e sembrerà spostarsi all’indietro per tutto il mese di luglio e gran parte del mese di agosto  per fermare la sua corsa all’incontrario a 28°37 del capricorno esattamente il 28 agosto.

In generale la retrogradazione dei pianeti, che ricordo è solo apparente e dipende dalla velocità della terra che superandoli li fa sembrare retrocedere, implica una fase di stallo e di revisione della funzione rappresentata dal pianeta in questione.

Marte simbolicamente è l’energia che si fa azione. E’ l’affermazione di sé e delle proprie istanze. E’ la difesa dei propri confini.

Quando marte diventa R l’energia si fa meno vitale; ci si sente spossati e demotivati,  si rivalutano decisioni prese, si ritorna sui propri passi. Questa involuzione può portare a tensioni sia psicologiche che fisiche e favorire frustrazioni, rancori e rabbia repressa.

Frasi come forse avrei dovuto agire in modo diverso o se tornassi indietro non lo rifarei sono ricorrenti in questi giorni.

La posizione di marte in aquario rappresenta un energia tesa a difendere e lottare per ideali e principi collettivi, per  la libertà di espressione e l’affermazione della propria individualità, per il riconoscimento e la valorizzazione della diversità come valore;  si esprime in attività legate alla meccanica, all’ingegneria, all’elettronica, all’informatica,  all’astrologia per citarne alcune.

Le forti tensioni favorite da questo transito possono sfociare in situazioni di rottura  in occasione dell’eclissi lunare del 27 luglio prossimo quando marte sarà strettamente congiunto alla luna, quindi opposto al sole con urano al vertice di un quadrato a T.

L’eclissi lunare si formerà esattamente a 4°45 dell’aquario.

L’eclissi è un evento altamente significativo. Coincide spesso con  un avvenimento culminante che segna un momento di svolta; la fine di qualcosa dal forte impatto emotivo che porta con se un inevitabile nuovo inizio.

La combinazione dell’eclissi con il passaggio di marte R non può che essere radicale nella sua simbologia di taglio drastico, cambiamento decisivo, evoluzione, risveglio.

Si dice basta ad un rapporto che si sta trascinando senza slancio e prospettive. Si trova la determinazione per  cambiare un lavoro che non offre più prospettive di crescita. Si manda a quel paese un amico che non ci rispetta. In particolare sono a rischio quelle situazioni che limitino la libertà, che sono diventate routine, o alimentano la discriminazione e la disuguaglianza.

Marte R, però, sembra suggerire che le azioni che scaturiscono durante questo transito non sono del tutto lucide e consapevoli ma  dettate soprattutto dalla rabbia e dall’impulso del momento contingente ed è probabile che ci si sentirà pronti a voltare veramente pagina solo  dal momento che marte tornerà diretto.

Nel suo rientro in capricorno che avverrà intorno al 14 agosto l’energia marziana si focalizzerà  sulla carriera ambito  in cui potrebbero emergere ripensamenti, indecisioni, revisioni e dove si possono manifestare ostilità e conflitti.

Le tensioni che si possono accumulare in questa fase di R possono esprimersi anche  come disagi fisici e visti i segni coinvolti vertere sulla circolazione sanguigna, sulla pressione sanguigna, problemi ai denti, alle ossa e alla schiena.

Per  sfruttare al meglio questa fase di retrogradazione di marte l’ieale sarebbe  andare in vacanza.

Eh, magari !!!

ma se non si può concretamente passare tutta l’esteta in vacanza   dobbiamo comunque spostare l’energia e quindi lo slancio e la motivazione dall’esterno, verso il mondo interiore per ridefinire ciò che vogliamo e le azioni che dobbiamo intraprendere per ottenerlo.

A settembre, poi, si ripartirà rinnovati.

a cura di Lara Serafino

Categorie: ANALISI TRANSITI

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.