ANALISI TRANSITI

Marte R in ariete – Ridefiniamo i nostri spazi

Marte R dal 10 settembre a 28° dell’ariete al 14 novembre a 15° dell’ariete

Marte in ariete, segno dove ha la sua sede, è bello tosto. E’ energia pura, immediata, diretta, istintiva, impulsiva.

Marte rappresenta l’energia con cui affermiamo noi stessi cioè il modo in cui delimitiamo i nostri spazi, difendendoli o conquistandoli.

Energia che può declinarsi, nelle sue espressioni meno piacevoli, in reazioni aggressive, estrema irritabilità fino al rischio di incidenti dettati dalla troppa incoscienza e dal desiderio di superare i limiti a tutti i costi.

Certo è che queste espressioni “fuori controllo” di marte hanno sempre delle motivazioni ben precise, dentro di noi, ma spesso del tutto inconsapevoli.

Questo perché marte è una energia primitiva, non veicolata in alcun modo dalla ragione. Si esprime in modo del tutto spontaneo e “sincero” nel senso che a volte, nella sua manifestazione dirompente, spezza quegli equilibri che erano solo di facciata.

Quindi, che succede quando questa energia così intensa e impetuosa diventa retrograda ?

In generale, nella fase retrograda l’energia dei pianeti si interiorizza. Non c’è più modo di affermarla all’esterno perché il processo di elaborazione avviene dentro di sé.

Perciò, è molto probabile che si sperimenterà intensa frustrazione, rabbia che può confluire in sintomi fisici, come pressione alta, tensioni muscolari, infiammazioni.

Se siamo disposti a guardare più a fondo, è l’occasione giusta per capire un po’ meglio come si esprime questa energia, nella nostra vita.

Come ho detto, marte non può essere, in alcun modo, razionalizzato. Non è questa la direzione verso cui andare perché il tentativo di controllare ciò che è così impetuoso e spontaneo non farà che sorgere conflitti, su qualche livello.

Ciò che si può fare è osservare, senza giudizio, le emozioni che sorgono. La frustrazione, la rabbia, il senso di impotenza, cosa ci stanno dicendo ?

Già il fatto di concederci di sentire questi stati d’animo così intensi che toccano punti molto sensibili della nostra identità è, di per sé, trasformativo e andrà ad alleggerire un sacco di tensione.

Dietro la rabbia, spesso, c’è dolore negato, ricacciato nell’inconscio, ma, si sa, che ciò che non ci piace, non sparisce nel nulla. Piuttosto, ciò che viene rifiutato, si carica di impurità e scorie che lo rendono ancora più “potente”, quando tornerà a galla.

Marte in ariete punta il dito sulla nostra identità e sulla sua affermazione quindi su qualcosa su cui siamo poco disposti a negoziare.

Per questo è l’occasione ideale per capire se l’energia marziana che manifestiamo è in linea con la nostra identità. Se affermiamo ciò che siamo oppure no.

Non è così ovvio. Sappiatelo.

Spesso ci sono discrepanze tra ciò che siamo e l’immagine che vogliamo dare di noi.

In questo caso marte, nella sua totale sincerità, andrà a smascherare gli inganni ma con l’obiettivo, più ampio, che è quello di riconnetterci con un espressione più autentica che è l’unica via per stare bene, per essere felici e integri.

Il pianeta che marte andrà a toccare nel suo transito R caratterizzerà la nostra esperienza di questa energia. Se è la luna la sfera della manifestazione sarà intima, privata, familiare. Se è venere sarà la sfera relazionale e dei valori ad essere coinvolta, ecc.

I segni più toccati dal transito retrogrado di marte sono:

Il cancro

La fase retrograda può enfatizzare un atteggiamento vittimistico e spingere a reprimere la rabbia provocando gastriti e tensioni interiore oppure può essere l’occasione di riorientare l’energia verso la definizione, la difesa e la rivendicazione dei propri spazi personali e/o professionali.

La bilancia

Nei rapporti si vive una tensione intensa che, per quieto vivere, si cerca di reprimere negando le proprie esigenze a favore di quelle del partner o dei colleghi/superiori nella sfera professionale. E’ l’occasione per interrogarsi sulle motivazioni che ci stanno dietro, su quale sia il giusto confine tra me e l’altro e trovare il modo per affermarlo.

Il capricorno

Nella sfera professionale ci si sente sotto pressione, probabilmente incalzati da scadenze e tempi di consegna oppure a causa di conflitti con l’autorità. Se la tensione è eccessiva è il caso di interrogarsi su quanto si sia disposti a tenere duro prima di scoppiare. Marte ha sempre a che fare con la difesa dei confini che in voi sono già molto rigidi e quindi marte può riflettere situazioni di rottura. Si tratta proprio di capire qual’è il punto di rottura da non superare o da superare, in modo consapevole.

L’ariete

L’energia con cui affermate voi stessi sembra bloccarsi in questa fase retrograda. Emergerà rabbia, frustrazione, senso di impotenza. E’ il momento ideale per deporre “le armi” e capire cosa sta succedendo. Si tratta di osservare se la frustrazione è solo l’espressione della vostra impazienza oppure se ci sono situazioni, nella vostra vita, che devono essere affrontate in modo diverso. E’ l’occasione, questa, per calibrare l’enfasi energetica e focalizzarla su ciò che si vuole veramente.

Il sagittario e il leone, i gemelli e l’aquario, coinvolti dal transito, vivranno una tensione meno intensa ma è sempre il caso di osservare ciò che vuole indicare.

Scopri di più sul corso, MOON POWER

Lara

Rispondi