MARTE e LUNA – Mai troppo vicino

Marte  e la luna rappresentano degli archetipi molto diversi. Il primo è l’energia attiva dell’affermazione di sé. E’ un energia separativa che ha bisogno di definire bene i propri confini e ambiti personali da difendere e da proteggere da ingerenze esterne. Mentre la luna è l’archetipo materno foriero di vita, nutrimento, calore e protezione.

Chi presenta nel tema aspetti di quadratura, opposizione e congiunzione a marte ha vissuto il legame primario, quello con la mamma, con un senso continuo di invadenza, di violenza e aggressività.

L’ambivalenza di questo aspetto è evidente. La mamma vive con difficoltà il suo ruolo; ambisce a ritagliarsi i suoi spazi di autonomia e di affermazione di sé, ma allo stesso tempo  desidera fare anche la mamma, vuole accudire,  contenere e nutrire. Così il bambino percepisce che questo legame non è sicuro perché quando la mamma si “avvicina” troppo, già sa che, a breve,  lo allontanerà, con una sgridata,  un rimprovero, un moto di stizza.

Il bambino vive in balia dell’umore materno e chiaramente ne assimila il modello; non ha introiettato un clima sereno e fiducioso, ma al contrario, ha assimilato instabilità e insicurezza che lo porterà a reagire, lui stesso, con nervosismo e aggressività anche in situazioni dove apparentemente, non ce ne sarebbe bisogno.

Rimane,  una grande difficoltà a lasciarsi andare totalmente in  situazioni di intimità, soprattutto emotiva perché quando ci si avvicina troppo all’altro,  si teme di essere feriti e quindi, per reazione,  o si ferisce o ci si “allontana” recuperando al più presto la propria “zona di sicurezza”.

Spesso questa dinamica è così radicata da non essere assolutamente consapevole. Eventualmente sono gli altri a notarlo e, se ci tengono a noi,  a farcelo notare.

Nel tema di una donna questo aspetto può riflettere una difficoltà nel vivere la propria femminilità che non può esprimersi nei consueti canoni, ma assumerà tratti più mascolini; la vera difficoltà è l’ambivalenza dell’aspetto che da una parte “attacca” la dimensione del  femminile più ricettiva lunare, dall’altra ne proclama e rivendica la natura.

Questo conflitto aperto, accentuato da altri aspetti alla luna,  si può notare nel tema dell’attrice Angelina Jolie,

angelina jolie

 dove la luna arietina, che governa l’ascendente cancro, è congiunta a marte, a giove e quadrata a saturno.

L’infanzia difficile tra liti e conflitti dei genitori l’ha portata, da ragazza a vivere situazioni autodistruttive dove si procurava lesioni fino all’estremo tentativo di suicidio. Più tardi ha cercato nella maternità l’espressione più naturale di quella luna importante ma i disturbi alimentari che la facevano apparire in pubblico sempre più magra e fragile tradivano un inquietudine mai placata. Lo stesso conflitto appare anche nella scelta  di intervenire chirurgicamente per l’asportazione del seno, simbolo lunare, per cautelarsi preventivamente  dal rischio di ammalarsi, nel futuro, di cancro al seno.

Meno critico è questo aspetto in un tema maschile; l’uomo cercherà una donna attiva e volitiva che sa realizzarsi sia nella famiglia che nel sociale. E’ il caso di George Clooney, con luna in capricorno in XI e marte in V leone ha trovato  nella sua Amal,  dolce ma determinato avvocato dei diritti umani e delle cause internazionali, la donna che lo ha fatto capitolare da scapolo a marito modello e fra poco a papà di due gemelli.

a cura di Lara Serafino

Lara

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.