Luna piena in vergine – I piccoli gesti

luna piena in vergine

Luna piena a 19°37 della vergine del 9 marzo alle ore 18:48

Luna piena in vergine, i piccoli gesti

La luna piena simbolicamente appare come un momento culmine.

Quando la luna fronteggia il sole nei relativi segni opposti (come accade ogni mese) la situazione, qualsiasi essa sia, si fa più chiara, evidente, manifesta.

Luna piena in vergine

Nel cielo notturno brilla una luce che squarcia le tenebre. Allo stesso modo la situazione contingente appare illuminata da una maggiore consapevolezza degli aspetti coinvolti e delle interazioni che ne derivano.

Luna piena e coronavirus

In questa luna piena sembra impossibile non vederci delle attinenze con l’emergenza coronavirus.

Esattamente il 23 febbraio giorno di luna nuova, in perfetta analogia con la simbologia di inizio, è scoppiata l’epidemia in Italia.

In queste settimane, lo sappiamo tutti, l’epidemia si è estesa praticamente in tutto il mondo.

La luna piena si forma nel segno della vergine e oppone nettuno.

Nettuno simbolicamente è assenza di confini perciò è legato a tutto ciò che è caotico, invasivo, totalizzante, indefinito. Come possono essere le emozioni che a volte ci travolgono con la loro intensità. Governa anche la fantasia, l’immaginazione che può proiettarci in luoghi meravigliosi quanto creare scenari drammatici che ci atterriscono come fossero reali.

E, per analogia, Nettuno è associato anche ai virus.

Così se il sole in pesci congiunto a nettuno rappresenta il dilagare dei contagi quanto lo stato generale di crisi, incertezza e confusione.

La luna in vergine è pratica e pragmatica e sembra invitarci a ridimensionare gli allarmismi. Ci invita ad un atteggiamento meno emotivo, più realistico.

Certo è che l’equilibrio è precario (luna opposta a nettuno) ed è necessario rimanere il più possibile radicati per non lasciarsi travolgere.

Mercurio, che governa la luna, non è più in pesci ma in aquario dove appare meno confuso, caotico e incoerente.

La posizione di mercurio, in fase retrograda, può rappresentare le tante opinioni ancora contrastanti sugli interventi necessari per andare verso una soluzione.

Questa luna piena sembra fotografare una situazione ancora critica ma che ha raggiunto il suo apice. Ora si potrebbe finalmente invertire la rotta in analogia con la fasce calante della luna.

Esattamente il giorno dopo, il 10 marzo, mercurio torna in fase diretta. Cosa che fa sperare che tante cose si sblocchino soprattutto sul fronte degli spostamenti, dei contatti e della comunicazione.

Inoltre l’imminente passaggio di saturno in aquario fa pensare a misure di contenimento meno austere.

Tenere a bada la paura

Per ora non abbiamo alcun controllo nei confronti di un possibile contagio ma possiamo tenere a bada la paura.

Come ?

  • Selezionando le informazioni. La giusta dose di informazioni ci permette di capire la situazione. Cercarne sempre di nuove non fa che aumentare l’ansia.
  • Favorendo lo spirito critico in noi e negli altri. Ci tiene ancorati alla realtà.
  • Valutando le parole che diciamo. Le parole possono trasmettere ansia quanto favorire un clima tranquillo e sereno. Se non riusciamo a trasmettere pace meglio che stiamo in silenzio.
  • Accogliendo l’ansia. L’ansia è la risposta naturale verso ciò che è nuovo e su cui non abbiamo controllo. Se le permettiamo di esserci, ma non la alimentiamo, se ne andrà. Quando torna, ridiamogli il benvenuto, senza alimentarla. Se ne andrà, di nuovo.
  • Tenendoci occupati. Se la situazione ci ha forzatamente bloccati a casa, quale occasione migliore per leggere un bel libro, per lavorare a maglia, per giocare con i nostri figli, per cucinare una torta.

Questa luna piena in vergine ci lancia una sfida.

Vogliamo alimentare l’ansia, la paura, il panico oppure ristabilire l’ordine, il controllo del nostro ambiente e di noi stessi ?

E’ il momento di coltivare calma, pazienza, il saper attendere che non è tempo sprecato ma conquistato.

Proviamo, in questi giorni a spostare l’attenzione dalla visione d’insieme ai piccoli particolari della nostra quotidianità, fin da quando ci svegliamo la mattina.

Prepariamo la colazione con cura per tutta la famiglia, facciamo ordine nei cassetti, curiamo il giardino, occupiamoci della spesa del vicino anziano, facciamo dei piani per il futuro.

I piccoli gesti quotidiani ci riportano alla normalità, già adesso.

Pratica gesti casuali di gentilezza e atti insensati di bellezza.
(Anne Herbert)

L’astrologia è un linguaggio. Se lo comprendi, il cielo ti parla. Scopri cosa ha da dire proprio a TE.

✨Lara

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.