Luna piena in ariete – Trasforma la rabbia – Lara Serafino

Luna piena a 28° dell’ariete del 20 ottobre alle 16:57

Siamo giunti al culmine di questo ciclo lunare iniziato con la luna nuova in bilancia.

Luna piena in ariete

La luna nuova in bilancia, congiunta a marte, ci proponeva di trovare un nuovo equilibrio sia con noi stessi che con l’altro, ma, allo stesso tempo, ci suggeriva di non metterci in secondo piano, di non rinunciare a qualcosa di importante per noi pur di favorire un accordo.

Le energie erano contraddittorie. Armonizza ma combatti. Trova un equilibrio ma non mollare la tua posizione. Vai verso l’altro ma rimani in difesa.

Stressante, decisamente. Ne so qualcosa perché la mia cervicale si è ri-fatta dolorante a segnalarmi che l’armonia era lontana.

Occupiamoci della nostra rabbia

Scopri come Leggere la tua luna piena.

(iscriviti alla newsletter per ottenere subito la password)

Con la prossima luna piena in ariete è possibile che la tensione accumulata esploda se non ci occupiamo della rabbia accumulata.

Rabbia abbastanza innocua se risale a queste due settimane ma molto più significativa se è una emozione antica con cui non ci piace avere a che fare.

La rabbia è un emozione complicata. Io stessa ho difficoltà a riconoscerla in me e a gestirla nei migliore dei modi.

E’ una patata bollente di cui vogliamo disfarcene al più presto, negandola o spostandola su situazioni dove è più facile buttarla fuori senza troppi danni. Così spesso è repressa oppure agita in malo modo.

Con la prossima luna piena in ariete che riceve l’opposizione di marte in quadratura a plutone, è tempo di occuparci di questa emozione così scomoda ma, in realtà, assolutamente vitale e sana.

La rabbia è un campanello di allarme che squilla quando sentiamo che i nostri confini sono stati minacciati.

Questo non va bene. Non voglio. Non è giusto. Non ci sto.

Queste potrebbero essere le sue parole. Le parole che la rabbia ci invita a pronunciare, a urlare, se è necessario.

Trasforma la rabbia

E poi, sbattiamo i pugni sul letto o prendiamocela col cuscino. La rabbia è un emozione primordiale che usa il corpo per esprimersi perché ha aiutato i nostri antenati a salvarsi la pelle attaccando il nemico o fuggendo. Ora il mondo si è fatto più complesso. Non ci sono più orsi contro cui combattere, perciò la dimensione istintuale forse è quella più estromessa dalla coscienza perché, da civilizzati, la riteniamo inadeguata ma, proprio per questo può diventare ancora più distruttiva.

Quando la rabbia mi viene a trovare io sto imparando a fare così:

  • Mi allontano dalla situazione che ha alimentato la mia rabbia e mi ritiro in un luogo tranquillo (fin tanto che è possibile)
  • Rimango in silenzio e in ascolto di ciò che sto sentendo
  • Lascio che questa ondata emotiva si muova liberamente, raggiungendo il suo picco, senza identificarmi troppo con essa. La sento muoversi nel corpo, ne percepisco tutta l’intensità. Poi la osservo scemare e ritirarsi come la bassa marea.

E’ necessario poi indagare cosa ha scatenato questa emozione perché l’errore è focalizzarci solo su ciò che percepiamo come colpa dell’altro.

Indagine interiore

  • cosa ha toccato in me questo evento o quella persona, per farmi arrabbiare cosi ?
  • da cosa mi sto difendendo ? cosa è stato minacciato o quale confine è stato superato ?
  • come avrebbero dovuto andare le cose ? quale aspettativa è stata disattesa ?

E’ un indagine che può essere fatta solo a rabbia sbollita, quando riusciamo a guardare le cose con maggiore distacco. Ma è super potente.

Potremmo scoprire che avevamo delle aspettative eccessive e non realistiche o abbiamo delegato e magari preteso che l’altro si occupasse del nostro benessere invece di farcene carico noi. Oppure è stata portata allo scoperto una nostra paura, fragilità, dolore o senso di inadeguatezza. Perciò l’altro ci ha “solo” mostrato ciò che ha bisogno della nostra attenzione, cura, disponibilità e amore. Siamo noi, e solo noi, a poter definire e perciò proteggere i nostri confini.

Trasformare la rabbia significa convertirla in energia che costruisce piuttosto che distruggere:

  • per affermare la nostra volontà in modo più diretto e chiaro
  • per dire quei no che sono necessari
  • per dare un taglio a situazioni che ci tolgono serenità

Questa luna piena, che vede l’opposizione del sole bilancia e della luna in ariete, ci ricorda che per stare bene con l’altro dobbiamo, innanzitutto, stare bene con noi stessi.

Rispondi