analisi TEMI NATALI

LUIGI PIRANDELLO – Io sono figlio del caos

19 giugno 2016

 Io son figlio del Caos; e non allegoricamente, ma in giusta realtà, perché son nato in una nostra campagna, che trovasi presso ad un intricato bosco denominato, in forma dialettale, Càvusu dagli abitanti di Girgenti, corruzione dialettale del genuino e antico vocabolo greco “Kaos”.

E’ interessante questa citazione dello scrittore, drammaturgo e poeta siciliano, Luigi Pirandello, che descrive esattamente la sua nascita.

PIRANDELLOLetteralmente “figlio del caos” con la luna nel settore più “caotico” dello zodiaco, la XII casa.

Le sue parole esprimono con precisione gli eventi. In prossimità della sua nascita, la famiglia del poeta si trasferì in un isolato casolare di campagna a causa dell’epidemia di colera.

La tenuta in campagna esprime la natura della luna toro, radicata nella terra, negli odori  e nei colori della Sicilia, ma, per la sua posizione in XII casa, è “fuori dal mondo”…in fuga dal pericolo incombente (saturno e plutone).

Questa luna così tormentata segna inesorabilmente il tema e la vita dello scrittore, nato nel segno dove il luminare notturno ha la sua sede: il Cancro.

Crebbe in una famiglia borghese dalle agiate  condizioni economiche  grazie all’estrazione e al commercio di zolfo.

Iniziò a scrivere perché soffriva per la difficoltà nel comunicare con i suoi genitori, soprattutto il padre. L’ascendente gemelli con mercurio isolato in III casa evidenzia questo conflitto tra il  forte bisogno di comunicare e la difficoltà nel farlo e proprio l’incomunicabilità, cioè il diverso significato attribuito alle parole tra chi le dice e di chi le ascolta, sarà una tematica della sua produzione letteraria.

Terminati gli studi superiori, convola a nozze con Maria Antonietta Portulano; pur trattandosi di un matrimonio combinato che va a consolidare le già buone condizioni economiche familiari, sarà, nei primi anni,  un unione felice  da cui nasceranno tre figli.

Ma nel 1903 tutto era destinato, improvvisamente,  a cambiare. Con nettuno in transito (acqua, liquidi) congiunto al sole urano, una frana causò l’allagamento della miniera di zolfo dove era stata investita buona parte della dote della moglie e dai cui proventi la famiglia Pirandello traeva gran parte del suo sostentamento.

 La moglie ebbe un crollo psichico da cui non si risollevò più (luna e venere sono in XII casa).

La donna già da prima era preda di una forte gelosia (luna cong.a plutone) che dopo l’evento degenerò in una forma  delirante e paranoica.

La tematica della follia sarà dominante nei testi dell’autore. La pazzia diventa l’unico vero stato di autenticità che permette di trovare se stessi  rifiutando il mondo (luna in XII casa, fuga dalla realtà), nella consapevolezza che questo contatto con la reale natura dell’io può essere solo fugace perché la società con le sue norme e i suoi obblighi, incombe ( saturno in VI casa) e diventa inevitabile “indossare” una, anzi, centomila, maschere (asc.gemelli, mercurio in III).

a cura di Lara Serafino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *