LO ZODIACO E la Digestione

LO ZODIACO E la Digestione

Mi diverto a cogliere le analogie tra i simboli zodiacali e la manifestazione. Un analogia interessante, tra le tante che approfondirò nei prossimi post, è quella tra i segni/case dello zodiaco e il processo della digestione.

Si, avete capito bene.

Le fasi della digestione si specchiano nella sequenza dei segni zodiacali e questo non stupisce affatto se si riconosce che la vita è un unità e i simboli zodiacali non fanno che cogliere, di  questo UNO, i 12 essenziali archetipi, la cui sequenza non è affatto casuale.

Così quando addentiamo un panino siamo nella fase Ariete/I casa, dove con i denti, afferriamo e mastichiamo, dando il via al processo della digestione. Evidenti le analogie col segno dell’ariete che afferra e “morde” la vita con decisione, assumendo, spesso, il ruolo di iniziatore.

A questo punto saranno la lingua, la bocca e gola coinvolti nella tappa successiva, dove il cibo si gusta, si assapora e si ingurgita, caratteristiche legate al Toro/casa II, segno dove i sensi sono esaltati, alla ricerca del piacere e del benessere.

Ora, affinché il cibo possa giungere allo stomaco, la fascia muscolare presente nell’esofago si incarica di agevolare questo passaggio, con dei movimenti che ne  favoriscono il transito; questa fase è legata al segno dei Gemelli/casa III simbolo del movimento e del mettere in comunicazione le cose.

E si arriva allo stomaco, dove avviene la digestione vera e propria e il chimo (così si chiama ora la poltiglia) subisce un serie di reazioni chimiche che andranno a trasformarlo ulteriormente. Lo stomaco è quindi come un crogiolo alchemico profondo, intimo e viscerale al pari del segno del Cancro/casa IV, a cui si associa un ricco mondo interiore e la cui sensibilità, emotività e suscettibilità spesso si riversa proprio su questo organo.

E qual’è il prodotto che emerge del crogiolo degli alchimisti ? l’oro, ovviamente. E’ chiaro, allora, che siamo giunti  nella fase Leone/casa V, legata al  segno più creativo dello zodiaco e l’oro è, in questo caso, più banalmente, ma non troppo,  la sostanza nutritiva che è il risultato del processo che dal boccone di cibo da cui siamo partiti è ora diventato qualcosa di completamente nuovo, unico e preziosissimo.

Ma il processo continua e ora si giunge all’intestino, dove avverranno ulteriori trasformazioni, ma in particolare nell’intestino avviene un processo di discriminazione e selezione tra le sostanze che potranno proseguire ulteriormente e quelle che invece, non servono, sono ritenute un rifiuto e dovranno quindi, essere eliminate. Modalità che si associano facilmente al segno della Vergine/casa VI, segno organizzato e metodico, amante dell’ordine e della pulizia.

E ora vi chiederete cosa ci azzecca la bilancia/VII casa in questo bizzarro viaggio  nelle viscere umane ? cosa avrà da spartire il segno dell’equilibrio e dell’accordo con tutto questo marasma ?

Me lo sono chiesto anche io e, credo, di aver trovato una risposta.

A livello intestinale esiste un insieme di miliardi di batteri che vivono in perfetta sintonia tra loro e con l’organismo che li ospita, cioè noi.
Questi batteri, che costituiscono la flora batterica,  nella misura in cui sia rispettato un adeguato bilanciamento fra i vari ceppi, influenzano in modo decisivo lo stato di salute dell’intero organismo. Quindi le sostanze della digestione li nutrono e loro, in cambio, si occupano di farci stare bene. Evidenti le valenze bilancine, vero  ?

A questo punto sarà intuibile che siamo in fase di espulsione delle sostanze di rifiuto e quindi nella zona tra il retto e l’ano, in analogia col segno dello Scorpione/casa VIII, settore della trasformazione profonda che implica  il rinnovamento continuo della forma attraverso fasi di “morte” e “rinascita”.

Le sostanze ancora utili continuano il loro viaggio fino al fegato, l’organo più grande del corpo umano, dove vengono  metabolizzate, sintetizzate e immagazzinate  per essere utilizzate quando serviranno. Nel fegato avviene un processo in analogia con il Sagittario/casa IX, il segno più fiducioso dello zodiaco che si sente, come il fegato,  sempre ricco di risorse a cui attingere grazie ad un approccio elaborativo del pensiero teso a trovare senso e significato più ampio.

Il processo ora è giunto al culmine, e il risultato finale è la materia/energia che fa funzionare e allo stesso tempo costruisce,  il nostro corpo,  in analogia con la X tappa dello zodiaco, e del segno del Capricorno, simbolo della realizzazione pratica e concreta e del raggiungimento del risultato.

Ora entriamo in una fase successiva ma essenziale. A questo punto il prodotto finale della digestione nella sua struttura molecolare (proteine, grassi, zuccheri, vitamine….) raggiunge ogni cellula dell’organismo grazie alla fitta rete di capillari dell’apparato circolatorio. E’ un po’ ciò che avviene nell’ ‘Aquario/casa XI, segno sociale che vede nella collaborazione, nella fratellanza e nella solidarietà la migliore espressione dell’essere.

Ed eccoci giunti all’ultima tappa. E’ ora necessario che il corpo possa eliminare tutti i liquidi e le scorie inutilizzabili e questo avviene tramite il sistema linfatico,  un sistema di drenaggio  che trasporta i fluidi dallo spazio interstiziale dei tessuti al torrente circolatorio. Questa  rete fittissima di vasi che pervade tutto il corpo  funziona per osmosi, cioè tutto passa in modo totalmente indiscriminato come è nella natura del segno dei Pesci/XII casa, settore dell’indifferenziato dove non ci sono più confini netti tra dentro e fuori.

Eccoci qua; il viaggio è finito ma volevo proporvi un giochino.

Immaginiamo  di trovare saturno nella “fase Gemelli/III casa”, cioè quella del movimento, della comunicazione, che nel processo digestivo corrisponde al passaggio del bolo tra gola e stomaco. In che modo sarà condizionata la comunicazione (movimento, passaggio) ? sicuramente sarà più complicata, faticosa, limitata, controllata. Con  mercurio, al contrario, sarà fluida, rapida, veloce, leggera. Con la luna diventerà emotiva, soggettiva, condizionata dall’umore.

Mentre se troviamo giove nel settore Scorpione, ricordate, l’espulsione delle sostanze di scarto, per analogia possiamo  immaginare  fiducia. crescita ed espansione verso tutto ciò che è ignoto, oscuro, nascosto, segreto; e una certa propensione agli investimenti.

Provate ad associare i pianeti del vostro tema alle tappe della digestione. Tutto vi apparirà più chiaro….

a cura di Lara Serafino

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.