GUSTAVO ROL

Gustavo Rol, è stato un noto e discusso personaggio dello scorso secolo, famoso per le sue facoltà che alcuni definivano paranormali e medianiche mentre altri le relegavano più prosaicamente tra i trucchi di illusionismo e mentalismo; lui si è definito un semplice ricercatore e sperimentatore con l’ obiettivo “di incoraggiare gli uomini a guardare oltre l’apparenza e a stimolare in loro lo spirito intelligente”.

ROL GUSTAVOAppartiene al segno dei Gemelli, nato il 20 giugno 1903 a Torino, presso una famiglia colta e benestante che le ha dato l’opportunità di dedicarsi agli studi, all’arte e alla musica.

Fin da ragazzino, scrive poesie, suona il pianoforte e il violino (il sole è congiunto a nettuno).

Marte in I casa, insieme alla luna in Ariete e a venere in Leone riflettono un temperamento fiero, orgoglioso, risoluto e “battagliero” caratteristiche che confluiscono nella sua grande ammirazione verso le imprese e le gesta di Napoleone, passione che inizia nell’infanzia e che coltiverà per tutta la vita diventando un collezionista di rilievo internazionale di cimeli napoleonici, un esperto delle campagne, delle battaglie e delle imprese napoleoniche.

Terminati gli studi vorrebbe iniziare la carriera di giornalista (valori Gemelli), ma per andare incontro al desiderio del padre, legato per tradizione familiare al settore bancario, inizia a lavorare in banca e sempre per aderire alle aspettative paterne, si iscrive a giurisprudenza, scelte che sottolineano la natura dell’ascendente Vergine, che fa prevalere il senso del dovere e l’adeguamento alle aspettative.  Lascerà l’impiego in banca solo alla morte del padre per dedicarsi alla sue passioni per l’antiquariato e l’arte.

Ma da buon Gemelli, Rol non vivrà certo l’attività del bancario come una noiosa routine; si dimostrerà subito molto capace, intraprendente e particolarmente dotato per le lingue tanto che sarà destinato a dirigere diverse nuove filiali aperte in varie città Europee e infatti mercurio, che governa sia il sole che l’ascendente, si trova in IX casa, settore del lontano, dell’estero.

E’ in questo periodo che inizia a fare ricerche sempre più approfondite ed esperimenti di carattere paranormale.

Nel 1927 che fu folgorato da un intuizione, che lo sconvolse.

Il 28 luglio scriverà sul suo diario: « Ho scoperto una tremenda legge che lega il colore verde, la quinta musicale ed il calore. Ho perduto la gioia di vivere. La potenza mi fa paura. Non scriverò più nulla! » E’ talmente turbato che si ritirerà in convento per tre mesi e sarà solo l’intervento della madre che lo spronerà ad uscirne.

E’ interessante notare che quell’anno urano in transito era in aspetto di quadratura al sole, in analogia con l’intuizione folgorante che lo destabilizza. Inoltre saturno si trova in Sagittario, in opposizione al suo mercurio in Gemelli, pianeta centrale del suo tema e che caratterizza alla perfezione la sua natura, appunto, mercuriale. Così l’opposizione di saturno, letteralmente lo ferma, lo fa chiudere in se stesso, dice proprio “non scriverò più nulla” (saturno in transito è in III casa !!! ). Inoltre nettuno in transito è in sestile al sole e lui si ritira proprio in …convento.

Ma vediamo di tratteggiare meglio la sua natura.

Chi l’ha conosciuto lo descrivere come un uomo dalla personalità magnetica, pieno di energia ed entusiasmo fino in tarda età.

Nel tema sono evidenti una mente brillante, unita ad una spettacolare coordinazione manuale come è riflesso da mercurio nella sua sede in Gemelli, che governa sia il sole Gemelli che l‘ascendente Vergine, il segno a cui appartengono proprio le abilità manuali. Inoltre mercurio è un vertice del grande trigono con marte in I casa e saturno in V che riflettono la padronanza, il controllo, la coordinazione tra “testa” e “corpo” abilità che necessariamente deve avere il buon prestidigitatore.

Quindi un Gemelli affascinante, colto, intelligente, brillante; e si sa che il Gemelli, in generale, ha una personalità poliedrica, dalle mille sfaccettature, e che è, per natura, protagonista, giocoso, scaltro, intrigante.

Quindi, quanto nei suoi “esperimenti” era frutto di una grande abilità illusionistica (nettuno congiunge il sole) e quanto apparteneva invece alla sfera dello spirituale e del  paranormale (sempre nettuno e plutone congiunti al sole) ? Credo che siano vere entrambe le alternative.

Sicuramente la sua destrezza e la sua personalità magnetica erano quelle del “mago”, dell’illusionista, ma probabilmente le sue ricerche lo avevano portato  anche “oltre” il confine dell’ordinario (il sole è anche opposto a urano).

Personaggi di grande rilievo sociale (giove nella cuspide della VII casa) sono rimasti affascinati e ammirati dai suoi esperimenti e tanti vollero incontrarlo per conoscerlo da vicino e per sapere della propria salute o di ciò che era scritto nel destino.

Ma lo stesso giove in VII quadrato al sole ci fa supporre che lui non si sentì capito (creduto  !!) e compreso come avrebbe voluto.

Lara Serafino

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

8 commenti su “GUSTAVO ROL”

WhatsApp Scrivimi