Giove e nettuno si stanno ormai fronteggiando nel cielo dall’agosto 2015. Sono due energie in qualche modo, affini. Infatti,   troviamo questi pianeti affiancati  sia nel sagittario che nei pesci, i segni della religione e del misticismo.

Giove in vergine esalta l’organizzazione, l’ordine, il lavoro, la gestione quotidiana della salute e in particolare, crede fermamente – la fiducia è il tratto caratteristico di giove – che un attitudine puntuale, assidua e organizzata nel seguire un particolare stile di vita piuttosto che un regime alimentare,  sia indispensabile  per garantirsi benessere e salute.

Avrete notato come si sia diffusa la moda dei semi oleosi, di lino, di zucca, di chia, di sesamo, di papavero e tanti altri che vedo affini al segno della vergine, per la piccola dimensione,   la facile conservazione e la durata nel tempo.  Sembra  apportino ottime proprietà nutritive e preziosi minerali e siano quindi essenziali per rallentare il processo di invecchiamento e aiutare l’organismo a prevenire alcune delle malattie più temute.

In questa stessa direzione vanno i più disparati regimi alimentari, come la dieta del gruppo sanguigno, il crudismo, la dieta mediterranea piuttosto che quella vegetariana o quella vegana che sembrano, per chi le sostiene, la via maestra per la salute. In questo contesto, l’opposizione di nettuno a giove, inserisce una valenza salvifica al punto che aderire ad un regime alimentare implica  intraprendere  un vero e proprio  percorso evolutivo, una via di purificazione non solo fisica ma anche interiore, garanzia di una trasformazione e  guarigione profonda; ed ecco insinuarsi la  promessa di tutte le religioni: la salvezza.

Nettuno in pesci si trova nel suo domicilio dove esprime al massimo la sua natura   onnipervasiva, travolgente, universale, dissolvente, metamorfica. Di perfezione o caos, dipende dal contesto. Lo vediamo nei fanatismi religiosi,   nella migrazione di massa di popoli che dal Medio Oriente “invadono” l’Europa. In ambito spirituale si moltiplicano i Satsang, incontri di condivisione della Realtà  dove non c’è più il maestro che ha una verità da rivelare in quanto l’unica verità da condividere è la vita stessa che Siamo. Chiaramente anche qui la contraddizione è evidente ed è legata proprio all’opposizione di nettuno a giove. Meno diventa importante il ruolo del Maestro e  dei “riti”, come la meditazione o l’adesione ad un percorso spirituale, più si moltiplicano  i ritiri, gli intensivi e i satsang. Giove in Vergine, incapace di abbracciare la totalità, intera e perfetta, già completa in sé  riflessa da  nettuno nel suo domicilio,  sembra voler sottolineare come il “lavoro” su di sé sia, ancora, l’unica via possibile alla crescita e all’evoluzione.

I nati tra metà agosto 2015 e metà luglio 2016, ad eccezione di gennaio, possiedono questo aspetto. Nel tema personale, è un aspetto che riflette inquietudine e confusione  perché la fede nell’ordine vergineo è continuamente insinuata da dubbi e perplessità che potrebbero essere negati e trasformarsi in atteggiamenti fanatici e intransigenti, soprattutto se è coinvolto anche saturno.

a cura di Lara Serafino


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.