Eclissi in Gemelli –  Parole che trasformano

Eclissi in Gemelli – Parole che trasformano

8 Giugno 2021 0 di Lara

Eclissi solare (luna nuova) a 19°47 dei Gemelli del 10 giugno alle ore 12:54

Le parole hanno il potere di distruggere e di creare. Quando le parole sono sia vere che gentili possono cambiare il mondo. Buddha

Stiamo vivendo la stagione delle eclissi ed è sempre una fase molto intensa sia a livello interiore che esperienziale, soprattutto se ne siamo coinvolti personalmente con pianeti in Gemelli, Sagittario, Vergine e Pesci.

Le eclissi sono così significative e potenti perché sono domande senza risposta, sono strade senza uscita, sono inviti che non possiamo declinare. E’ l’intensità di questa tensione crescente che ci spinge a trovare soluzioni inaspettate e a tracciare vie alternative.

Eclissi solare in Gemelli

Pensiero e comunicazione

La prossima eclissi in Gemelli continua il processo in atto che coinvolge la tematica del pensiero/credenze/comunicazione nelle due espressioni opposte e complementari rappresentate dai segni coinvolti, Gemelli e Sagittario. Ricordiamo, anche, che le eclissi sono sempre legate alla posizione dell’asse dei nodi. Ora il nodo nord che indica la direzione evolutiva, si trova in gemelli perciò il filo conduttore è quello di lasciare andare credenze e visioni ormai superate e affinare il senso critico, la capacità di giudizio e discernimento.

Il mondo sta cambiando profondamente, è evidente e ciò che sembrava una verità e una certezza fino a ieri, oggi non lo è più.

Plutone in Capricorno e urano in toro riflettono l’inesorabile trasformazione delle strutture su cui fondavamo il nostro senso di stabilità e questa incertezza può renderci molto insicuri, confusi e disorientati (nettuno e giove in pesci).

Ognuno di noi sta declinando queste tematiche in un modo del tutto personale e soggettivo. Ma se guardiamo a fondo possiamo scorgere nelle nostre vite l’esigenza di trovare un modo più efficace per comunicare, per arrivare agli altri, per comprenderci.

Le resistenze al cambiamento

La quadratura tra saturno e urano rappresenta il tentativo maldestro di resistere al cambiamento. Questo è del tutto naturale. L’ignoto ci fa paura anche se siamo consapevoli che le cose, così come sono, non vanno bene. Aggrapparci e trattenere, piuttosto che aprirci al nuovo, però, non fa che aumentare il timore e il senso di precarietà perché si fonda su una mentalità di scarsità che non riconosce il flusso naturale del dare e dell’avere. E questo sarà il tema del prossimo ciclo di eclissi nell’asse toro-scorpione a cui ora ci stiamo preparando.

Ma torniamo a questa eclissi nel segno dei gemelli. Se l’eclissi in sagittario del 26 maggio ci chiedeva di riconnetterci alla nostra verità lasciando andare credenze non più in linea con ciò che siamo oggi, questa eclissi ci sollecita rivedere il modo in cui comunichiamo.

Mercurio, che la governa, in fase retrograda rende questa revisione ancora più intensa e potente.

  • So esprimere in modo efficace il mio pensiero ? quali blocchi interiori complicano le cose ?
  • Ciò che comunico corrisponde a ciò che sento ? quali antiche paure mi stanno condizionando ?
  • Come parlo a me stessa ? mi giudico, mi critico, mi condanno o so essere gentile e amorevole ?

(attenzione perché se sono spietata con me stessa, l’interazione con gli altri non potrà mai essere un esperienza positiva)

  • Mi sento capita ? e se no, in quale punto si inceppa la comunicazione tra ciò che esprimo e ciò che viene inteso dall’altro ?

Queste sono alcune domande che mi sto ponendo io e che rappresentano delle tracce per andare più a fondo.

Le parole con cui ci definiamo

Se ci fate caso ora si fa molta attenzione all’uso delle parole per descrivere la realtà perché ora più che mai è evidente come le parole creino la realtà.

E’ perciò molto importante portare alla luce il nostro dialogo interno, quello con cui ci definiamo e con cui, poi, descriviamo il mondo. Non diamolo per scontato perché gli schemi di pensiero ben rappresentati nel tema da mercurio e dai suoi aspetti, stabiliscono poi l’interazione che abbiamo con gli altri, la capacità, o meno, di portare fuori la nostra voce, di farla sentire, di sentirci capiti.

Quante volte sorgono delle incomprensioni nella comunicazione perché c’è una falla in questo scambio che all’apparenza sembra così semplice. Per i più esperti in astrologia è l’occasione per guardare più da vicino il proprio mercurio e iniziare a conoscerlo meglio.

Prima di andare più a fondo e iniziare a gettare le basi dei nuovi valori col prossimo ciclo di eclissi (la prima si formerà a novembre) dobbiamo riconoscere il potere delle parole per usarle con maggiore saggezza. Le parole possono dividere e farci percepire un mondo di caos e insicurezza oppure possono unire e favorire nuove connessioni, legami e fraterne alleanze. Possono indugiare sulle differenze che ci rendono estranei gli uni agli altri e che perciò amplificano paure e distanze oppure possono trovare somiglianze e tratti comuni che avvicinano.

Scegliamo, allora, con cura parole che favoriscano una trasformazione laddove è necessario. Che siano d’ispirazione, di cura, di accoglienza, di comprensione. Parole gentili che costruiscono ponti dove camminare insieme le strade del domani.

Lara