Eclissi di sole in Capricorno – Solo l’essenziale

eclissi di sole in capricorno

Eclissi di sole del 6 gennaio a 15°25 del capricorno ore 2:30

Eccoci qua reduci da un altro Natale di eccessi e sorrisi, di abbracci più o meno sinceri e di regali già dimenticati.

Quasi sollevati di riporre luci e palline colorate negli scatoloni, ci ritroviamo, all’improvviso nel silenzio.

Quel silenzio che abbiamo cercato di riempire fino a ieri di chiacchiere e brindisi, di auguri e jingle natalizi.

Le luci si sono spente e l’abito della festa con cui avevamo vestito il mondo è stato riposto negli scatoloni insieme alle palline colorate.

Ora tutto ci appare nella sua cruda realtà: spoglio, arido, freddo e desolato.

E’ un energia greve e intensa quella della prossima eclissi in capricorno, che può avvolgerci come un opprimente coltre di nebbia.

La stagione del capricorno è rigida. Non c’è spazio per i sogni e le illusioni perché è necessario occuparsi dell’essenziale se si vuole sopravvivere.

Certo che ai giorni nostri e nella nostra società opulenta non si tratta di sopravvivenza fisica. Per questo abbiamo tutto ciò che ci serve.

Tutto ciò che ci serve

Ecco, è questo il punto. Cosa ci serve, veramente ?

Cosa è essenziale nella nostra vita per dire che stiamo bene, che siamo soddisfatti, che siamo felici ?

Se abbiamo bisogno di riempirci di cose superflue, di vestiti nuovi, di cibo spazzatura, di chiacchiere vuote, di like e consensi forse questa luna nuova può favorire una riflessione su cosa sia veramente importante per noi.

Questa luna nuova, è un invito a riconoscere in quali modi ci proteggiamo dalla vita, dal dolore, dalla paura riempiendo quel silenzio.

Possiamo aver costruito corazze dove rifugiarci e nasconderci.

Può essere la corazza della donna forte e indipendente, che non è capace di mostrare i suoi bisogni nemmeno a se stessa. O la corazza del successo che ci fa risplendere della luce del consenso altrui anche se dentro di noi c’è il buio. O, ancora, la corazza dell’efficienza che nasconde un costante senso di inadeguatezza.

L’ombra del capricorno

L’ombra del capricorno è la tensione costante verso un ideale perfezione che, ci illudiamo, una volta raggiunta, ci metterà in salvo dalla nostra vulnerabilità, così da non essere più feriti.

Mentre il nodo nord in cancro ci ricorda che solamente accogliendo e abbracciando la nostra vulnerabilità possiamo essere autenticamente forti e capaci di sostenerci e occuparci dei nostri bisogni.

Sarà Urano, tornato diretto proprio il giorno dell’eclissi, a spronarci per rimettere in campo energia e progettualità.

Eppure, plutone e saturno, accanto ai luminari sembrano suggerirci che, ora, non possiamo esimerci dall’affrontare il freddo e il buio necessari al passaggio evolutivo che ci attende nell’area dove si forma l’eclissi.

Il freddo di saturno che ci esorta a contare su noi stessi, a non cercare sostegni esterni. E il buio di plutone in cui dovremmo muoverci alla cieca fino a toccare il nuovo porto che ci attende, ma che ancora non conosciamo.

E se siamo riusciti a non riempire questo silenzio da nuove distrazioni potremmo essere pervasi da un profondo senso di pace. In fondo basta veramente poco per stare bene. Solo l’essenziale.

Se vuoi approfondire l’argomento eclissi leggi Aspettando le eclissi.

Lara Serafino

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.